CIDAS più vicina alla città di Bologna

La storica Cooperativa ferrarese rafforza la sua presenza sul territorio per migliorare i propri servizi per la città

Mercoledì 29 marzo è stata inaugurata, in via Croce Coperta 14/a la nuova sede operativa di Bologna della Cooperativa sociale CIDAS. Sono intervenuti, a fianco del Presidente di CIDAS Daniele Bertarelli, l’Assessore al Welfare Luca Rizzo Nervo, l’Amministratore Unico di ASP Bologna, Stefano Brugnara e la Presidente di Legacoop Bologna Rita Ghedini.

Erano inoltre presenti alcuni membri del CDA e della direzione operativa della Cooperativa, i soci e i lavoratori che operano per essa sul territorio, e diversi rappresentanti degli enti del terzo settore con cui CIDAS intesse collaborazioni e parternariati.

Il Presidente di CIDAS ha aperto l’evento con un suo intervento: «Questa apertura è ricca di significato perché oggi CIDAS si radica più fortemente sul territorio. Siamo fermamente convinti che la presenza sul territorio sia fondamentale per fornire alla comunità servizi efficaci, adeguati e di qualità. Ringrazio voi colleghi che operate da questa nuova sede, che con la vostra competenza, passione e umanità, siete una risposta di grande valore per il welfare di questo territorio».

È stata data quindi la parola all’Assessore Luca Rizzo Nervo che, portando i saluti del Comune di Bologna, del Sindaco e di tutta l’Amministrazione, si è così espresso: «In tutti questi anni, anche in quelli difficilissimi del Covid, c’è stato con CIDAS un confronto continuo e la costruzione di nuovi servizi. Da sempre apprezzo CIDAS, che è davvero un esempio di cooperazione virtuosa, capace di cogliere nuove sfide e di rispondere così sempre meglio ai bisogni delle persone. Che questa nuova sede possa essere un’ulteriore volano, generatore di nuovi progetti e valore per il territorio bolognese».

«Già da tempo la vostra Cooperativa è presente e attiva in questo territorio, ma l’evento di oggi, che presenta una vostra sede autonoma, costituisce un passaggio identitario, un modo nuovo di presentarsi al territorio» così è intervenuta per Legacoop Bologna Rita Ghedini «CIDAS è il giusto tramite dell’integrazione per la comunità bolognese e detiene esperienza e contenuti importanti per saper produrre risposte efficaci e innovative in un tempo i cui i cambiamenti sociali e i bisogni delle persone mutano a una velocità mai vista prima».

«Nel mio quotidiano lo scambio con CIDAS è molto utile, ne sono grato come sono grato di essere qui con voi oggi. Con CIDAS, con il mondo Cooperativo, noi di ASP abbiamo un rapporto generativo» ha commentato infine Stefano Brugnara «Siate consapevoli che, operando attraverso il SAI (Servizio Accoglienza Integrazione), siete assieme a noi protagonisti della più grande coprogettazione nazionale.
Insieme stiamo costruendo una nuova cultura dell’amministrare che produce una maggior qualità dei servizi e del mondo in cui questi servizi producono comunità».

CIDAS, cooperativa sociale che opera nel campo dei servizi alla persona in quattro regioni del nord Italia e conta circa 1.600 persone tra soci e lavoratori, è attiva sul territorio di Bologna dal 2014, principalmente su mandato dell’Amministrazione comunale e dell’ASP, su progetti di accoglienza e inclusione di migranti (Progetti SAI) e sugli sportelli sociali della città.
Fiore all’occhiello del Settore della Cooperativa che si occupa di accoglienza e integrazione è il progetto Vesta attivo dal 2016, una piattaforma online che permette l’incrocio del bisogno di un’abitazione da parte dei migranti e la proposta delle famiglie pronte ad accoglierli.

CIDAS è presente sul territorio dal 2014 e dopo quasi 10 anni, vissuti in spazi di lavoro condivisi con altre realtà del Terzo Settore tra cui Legacoop, ha sentito la necessità di avere una propria sede, uno spazio ampio e versatile dove svolgere al meglio l’organizzazione e il coordinamento delle proprie azioni a favore della comunità locale.

La nuova sede di Bologna, che è luogo di lavoro per i coordinatori e gli operatori attivi sul territorio, si propone anche come spazio di incontro e di svolgimento di attività formative per l’ampia rete associativa di Bologna.