Apre agli ospiti il nuovo centro anziani San Nicolò di Porto Tolle

Mercoledì 24 marzo 2021 il taglio del nastro alla presenza delle autorità locali e sanitarie ha ufficializzato l’apertura del Centro Servizi Anziani San Nicolò, residenza di nuova realizzazione a Porto Tolle (RO) in via Novembre ’66 n°4 che nei prossimi giorni accoglierà i primi ospiti, persone anziane non autosufficienti con ridotto-minimo bisogno assistenziale.

Contiguo alla sede della Medicina di Gruppo il CSA arriva a completare e rendere pienamente operativo il nuovo Centro Socio Sanitario di Porto Tolle, realizzato – in stretta collaborazione con l’amministrazione comunale e le istituzioni sanitarie – dal Consorzio PASS, composto dalle cooperative sociali CIDAS, Eureka, Goccia, Militi Volontari della Croce Verde e Oasi, i cui rappresentanti erano presenti all’evento inaugurale.

La struttura apre in sicurezza, nel pieno rispetto delle disposizioni previste per la prevenzione ed il contenimento del Covid 19.

All’inaugurazione, oltre alla rappresentanza dell’Amministrazione Comunale composta dal Sindaco Roberto Pizzoli, il Vicesindaco Silvana Mantovani e l’Assessore ai lavori pubblici Diego Marchesini, erano presenti Monica Zambelli Vice Presidente del Consorzio PASS e a Daniele Bertarelli Presidente della Cooperativa CIDAS.
Per l’occasione sono intervenuti l’Assessore Regionale Cristiano Corazzari, il Consigliere Regionale Laura Cestari, il Prefetto Maddalena De Luca, per l’Ulss 5 Polesana la Dottoressa Maria Chiara Paparella, per la Conferenza dei Sindaci dell’Ulss 5 il presidente Luca Prando e il vicepresidente Franco Vitale.
Hanno partecipato inoltre la Polizia Locale, la Polizia di Stato, i Carabinieri, la Protezione Civile, il Presidente del Consiglio Lorenzo Gibin, i consiglieri comunali Claudio Bellan e Silvia Siviero, gli ingegneri Giorgio Portesan e Andrea Portieri, il Presidente di ANTEAS Alessandro Bertaglia e il presidente di AUSER Ugo Mancin, i rappresentanti delle cooperative del consorzio PASS.
Il Vescovo Adriano Tessarollo ha benedetto la struttura, con la presenza di don Matteo e don Jacopo.

Il Vicesindaco Silvana Mantovani ha letto la parole del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia che, non avendo potuto intervenire all’inaugurazione, ha scritto una lettera in cui ha sottolineato l’importanza di “dare risposte concrete alla comunità, con politiche d’inclusione e coesione sociale, con progettualità che puntino al riequilibrio tra i diversi territori provinciali”.
Il Vicesindaco ha poi aggiunto: “Oggi tagliamo un traguardo che per l’amministrazione e per tutta la comunità di Porto Tolle ha un grande valore. Il mio ringraziamento va a coloro che hanno reso possibile questo giorno e a coloro che saranno parte attiva del futuro di questa nuova realtà portotollese, la cui caratteristica principale è quella di essere inserita nel cuore del centro del paese, esattamente di fronte all’asilo nido comunale, alla piazza del mercato, e a due passi dal municipio.
Visitando gli ambienti da cui è costituita la struttura si può apprezzare il frutto dell’impegno di questi anni, dall’amministrazione di Silvano Finotti, passando per quella di Claudio Bellan, per giungere alla nostra”.


Daniele Bertarelli Presidente CIDAS: “Esprimo la soddisfazione del Consorzio PASS per il supporto che con questa struttura potremo dare alle famiglie nella cura dei propri cari, un modo per dare un contributo concreto alla comunità di Porto Tolle che speriamo di poter coinvolgere presto in una inaugurazione più ampia”.

Il Sindaco Roberto Pizzoli: “Oggi per la nostra comunità è una giornata storica. Il ruolo di un’amministrazione comunale è migliorare la qualità di vita dei propri cittadini ed oggi come non mai la terza età va custodita e valorizzata”.

L’Assessore Diego Marchesini: “Questa struttura è un gioiellino che consegniamo alla comunità portotollese grazie al lavoro delle amministrazioni, dei tecnici, del coordinamento professionale dell’Ing. Andrea Portieri prima e di Giorgio Portesan poi”.

All’interno della struttura residenziale gli ospiti hanno a disposizione cure mediche, sostegno nelle attività quotidiane, risposte ai bisogni della vita di ogni giorno e relazionali, grazie a personale dedicato, qualificato e multidisciplinare.
Il servizio di ristorazione prevede colazioni, merende, pranzi e cene con una dietista che predisporrà proposte diversificate a seconda delle diverse necessità.
Gli spazi interni sono stati concepiti per essere ampi, confortevoli e accoglienti. Sono divisi in due nuclei di 11 camere ciascuno, tutte dotate di servizi igienici. L’esterno dispone di parcheggio dedicato per garantire la comodità di accesso, e di un cortile ed un giardino interni per favorire la vita all’aria aperta, quando possibile.

Nel CSA sono presenti anche un’infermeria, una palestra riabilitativa, ampie aree per il pranzo e le attività ricreative, una cappella per le funzioni religiose. È inoltre previsto un servizio di trasporto per visite specialistiche. Il benessere è anche cura di sé e per questo sono a disposizione servizi di parrucchiere ed estetista.

Alle attività di cura e riabilitazione, si affianca un programma di iniziative per stimolare e coinvolgere gli ospiti in diverse attività di animazione, come lettura del giornale, visione di film, giochi di società, ascolto della musica, e tutte quelle attività che possono mantenere e riattivare le abilità personali.

Il Centro Servizi Anziani sarà operativo offrendo la possibilità di un’accoglienza residenziale a persone anziane non autosufficienti con ridotto-minimo bisogno assistenziale che troveranno nel CSA la propria casa dove operatori qualificati potranno dare risposta a tutti i bisogni socio assistenziali.

Per rispondere ad esigenze specifiche o temporanee il CSA San Nicolò si impegnerà per ampliare l’offerta proponendo servizi personalizzati anche di accoglienza diurna e notturna.

Le professionalità impiegate e i servizi offerti nel CSA saranno: medico di medicina generale e infermieri a supporto di tutte le attività socio sanitarie, operatori socio sanitari a supporto della quotidianità degli ospiti, servizio di fisioterapia e logopedia per aiutare il mantenimento fisico e intellettivo, psicologo e assistente sociale a supporto degli ospiti e delle famiglie per il piano assistenziale individualizzato e per le necessità amministrative, educatore per le attività di animazione e socializzazione, servizio guardaroba e servizio mensa.

La Coordinatrice del CSA è il punto di riferimento dell’équipe e degli ospiti. Svolge una costante azione di valutazione delle attività socio sanitarie necessarie e un monitoraggio sullo sviluppo di queste ed è a disposizione dei famigliari per confronti sulle cure degli ospiti.

Per maggiori informazioni e per fissare un incontro per visitare la struttura e confrontarsi sulle possibilità di accoglienza è possibile contattare dal lunedì al venerdì la Coordinatrice Federica Marangon al numero 349 0854278, o scrivere alla mail segreteria@conspass.it.